Percorsi processionali e occupazione fisica dello spazio pubblico nella Cagliari del primo Seicento per celebrare l'”Inventio” dei corpi santi

L’esito urbanistico della controriforma: la città devozionale

La Chiesa cattolica con la Controriforma abbandona il referente storico della classicità per assumere quello escatologico della salvezza. Il riscontro materiale delle esigenze imposte da questo nuovo clima spirituale è un generale differente uso dello spazio urbano che assume Roma come modello in seguito agli interventi urbanistici attuati da Sisto V negli anni Ottanta del XVI secolo.

Condividi questo articolo: