Patronato regio e rappresentanza dei vescovi per le Diocesi sarde verso la fine del dominio spagnolo

L’argomento di questo contributo mi è stato suggerito dalla presenza, nel catalogo curato dal dott. Massimo Ceresa, La Sardegna nei manoscritti della Biblioteca apostolica vaticana, dei regesti delle parti di alcuni codici – precisamente i Vat. La 10715-10721 – che contengono i praeconia et propositiones ecclesiarum e cioè «le proposte, avanzate dai cardinali, di nomi di ecclesiastici destinati a reggere le diocesi resesi vacanti»: in ognuno dei codici citati vi sono – e questa è la ragione della loro inserzione in questo catalogo – le proposte dei candidati a reggere le diocesi sarde vacanti tra il 1680 e il 1704; devo aggiungere che le persone proposte furono effettivamente nominate e occuparono nelle rispettive diocesi il ruolo per il quale erano state designate.

Condividi questo articolo: