La Patria Potestas dal Codice 1865 al Diritto di Famiglia

Antefatto

La patria potestà nel Diritto Romano e nel Diritto Intermedio

  1. Modi d’acquisto della patria potestà

La patria potestà costituisce la base su cui si fonda la familia romana. Essa cade su tutti i soggetti, liberi e non, della familia, e tutti li comprende nella comune sottoposizione al vincolo agnatizio. Essa, riguardo alle donne prende il nome più specifico di manus o potestas maritalis, riguardo ai servi di potestas. Come vincolo potestativo, che trascende qualsiasi riferimento ai vincoli creati della società coniugale e dai rapporti tra genitori e figli, nel senso naturalistico di tali concetti, la patria potestà si esercita, indistintamente, su tutti coloro che fanno parte della famiglia e che, a diverso titolo, di tale aggregato sono divenuti partecipi. È l’appartenenza alla familia che crea il fondamento della sottoposizione alla potestà del capo casa. La patria potestà si acquista, anzitutto, nei riguardi del filius che abbia per padre legittimo una persona appartenente alla familia; nel caso specifico, tale può essere un pater o un filius. Quindi, primo titolo, di carattere naturale, di acquisto della potestà è la nascita.

Condividi questo articolo: